Origine del caffè

Sull’origine del caffè aleggia un velo di mistero, ci sono diverse leggende che narrano della sua scoperta. La più conosciuta racconta che il caffè fu scoperto dal pastorello Kaldi nella regione etiope di Kaffa, da cui la bevanda avrebbe preso il nome.

 

Origine del caffè
Il pastorello Kaldi

La storia racconta che Kaldi fosse solito portare al pascolo il suo gregge ogni mattina, un giorno però notò qualcosa di molto strano: una delle sue capre prese a saltare all’improvviso, piena di energia.

Il giorno seguente Kaldi, ripensando al singolare episodio, aveva deciso di cercare di capire l’origine dello strano comportamento; per tutto il giorno osservò attentamente il gregge quando notò che, dopo avere assaggiato delle strane bacche rosse, un’altra capra iniziò a saltare.

Il giovane subito capì che doveva esserci qualcosa di strano in quelle bacche e così decise di assaggiarne una. Subito dopo egli si sentì pervaso da una strana vitalità, tutta la sua stanchezza era improvvisamente scomparsa!

Di ritorno dal pascolo, Kaldi raccontò al padre l’accaduto e gli fece assaggiare alcune delle bacche, e per tutta la notte padre e figlio rimasero svegli.

Il giovane pastore cominciò a vendere le “miracolose bacche energizzanti” a tutti gli abitanti del villaggio, fino a che in tutta l’Etiopia e non solo, sempre più persone iniziarono a coltivarle. Secondo la leggenda di Kaldi, è così che venne scoperto ciò che oggi chiamiamo comunemente caffè.

Lascia un commento