Spedizione gratuita per ordini a partire da 25 euro

L’esperto consiglia

I benefici del caffè: 5 motivi
per non rinunciare.

Il caffè non è solo una bevanda, è un simbolo di condivisione, convivialità e tradizione. 

L’importanza di consumare questa bevanda è data dai particolari benefici che il caffè è in grado di fornire all’organismo, negli anni la ricerca scientifica ha evidenziato come un consumo moderato di questa sostanza possa avere numerosi effetti protettivi sul nostro organismo:

Le proprietà della caffeina:

1) STIMOLA E PROTEGGE IL CERVELLO: la caffeina ha la funzione proteggere e sviluppare il sistema neuronale. Questa sostanza agisce su un ormone chiamato noradrenalina che aiuta a fissare i ricordi, determinando un aumento della memoria a breve e lungo termine, caratteristica che potrebbe prevenire lo sviluppo di demenza senile.

 

2) FAVORISCE LA DIGESTIONE:

I benefici della caffeina sono osservabili anche sul sistema digestivo:

  • aiuta la secrezione di acido cloridrico favorendo la funzione degli enzimi dell’apparato digerente. Stimola inoltre la produzione di saliva ricca di amilasi salivari, enzimi che favoriscono la digestione degli amidi.
  • 2-3 tazzine al giorno non fanno male al fegato, anzi sembrerebbero svolgere un ruolo protettivo
  • Aiuta la motilità intestinale: la caffeina infatti ha la funzione di favorire l’attività del colon ed è quindi molto utile per soggetti che soffrono di stitichezza.

 

Caffè a Digiuno? Attenzione all’assunzione a stomaco vuoto, che può causare acidità e peggiorare i sintomi del reflusso gastro-esofageo.

 

3) AIUTA IL METABOLISMO:

L’assunzione di caffeina sembrerebbe essere correlata anche a un aumento del tasso metabolico basale, che rappresenta la quantità di calorie che il nostro organismo brucia in situazione di riposo.

Grazie alla caffeina in esso contenuto, un consumo moderato e non eccessivo di caffè può arrivare a far aumentare il tasso metabolico di circa l’11%, favorendo la combustione dei grassi.

Tuttavia la caffeina crea assuefazione, questo fa si che l’aumento del tasso metabolico sia limitato a un breve periodo, in quanto in un periodo più lungo l’effetto della caffeina diventa quasi nullo.

 

4) RIDUCE LO SVILUPPO DI DIABETE DI TIPO 2:

Il diabete di tipo 2 è una patologia caratterizzata da un'alterata o ridotta secrezione di insulina da parte delle cellule del pancreas.

Diversi studi hanno evidenziato come un consumo regolare di caffè può ridurre l’infiammazione cronica, con conseguente riduzione di sviluppo di disturbi metabolici come il diabete di tipo 2.

Non è ancora del tutto chiaro come questo avvenga, ma un meccanismo potrebbe essere quello della riduzione di concentrazioni di glucosio da parte dell’acido clorogenico.

 

5) IL CAFFÈ RIDUCE IL RISCHIO DI AMMALARSI DI PARKINSON:

Questo beneficio è dovuto a un acido grasso, l’Eht, che deriva da un neurotrasmettitore della serotonina. Questo composto, in sinergia con la caffeina, ha la funzione di impedire l’eccessivo accumulo di proteine nel cervello, fattore che si riscontra nella malattia del Parkinson.

Possiamo quindi concludere dicendo che c’è sempre un buon motivo per consumare un buon caffè, ma ovviamente senza esagerare!

Dr Sacha Sorrentino

Non perderti le nostre offerte

Iscriviti alla nostra Newsletter per essere aggiornato sulle nostre offerte e iniziative.